Rete di distribuzione

La zona di distribuzione dell'acqua potabile di AMB è riferita al Comune di Bellinzona.

All'anno l’erogazione di acqua potabile a Bellinzona supera i 5 milioni di metri cubi. Mediamente due terzi dell’acqua è di origine sorgiva, mentre un terzo viene prelevato dalla falda freatica.

L’80% dell’acqua distribuita da AMB viene consumata dagli utenti privati, il restante 20% è assorbito dagli impianti comunali (fontane, installazioni sportive, scuole) e dall’acquedotto (spurghi della rete, manutenzione, perdite).

AMB attualmente capta l'acqua da 9 gruppi di sorgenti: quattro posti nella zona di Daro-Artore (Bolle Beccaria, Valle del Loro, Cavargna e Tassera), due sopra Ravecchia (Monighetto e Bolle di Ravecchia) e uno sopra Carasso (Marn).

Nel quartiere di Bellinzona vi sono quattro serbatoi principali situati sui due versanti della vallata: due a sinistra del Fiume Ticino (a Ravecchia e al Castello di Svitto) e due a destra (Carasso e Galbisio).
Ci sono inoltre altri cinque serbatoi secondari (Simiano, Roncaa, Alla Predella, Pian Lorenzo e Artore).

In seguito all'aggregazione sono state rilevate le sorgenti dell'ex Comune di Monte Carasso e i rispettivi serbatoi Lori e Gaggetto.

Dal 2018 AMB è diventata proprietaria di tutti gli acquedotti presenti nei 12 quartieri della Città di Bellinzona. 

Erogazione per quartiere

Quartiere Acqua erogata (m3) Consumo (l/abxg)
Bellinzona 2'488'525 362
Giubiasco 862'289  269 
Sementina 340'901  279 
Camorino 330'108  311 
Claro 324'946  295 
Monte Carasso 300'717  284 
Gudo 185'845  587 
Pianezzo 181'704  828 
Gorduno 120'337  398 
Preonzo 106'800  458 
Gnosca 79'362  278 
Moleno 21'252  458 

 L'acquedotto intercomunale


Il piano cantonale approvvigionamento idrico del Bellinzonese (PCAI-B) è un nuovo concetto di gestione idrica integrata ed efficiente per tutta la regione. Si tratta di una soluzione a lungo termine che ha coinvolto i quartieri di Bellinzona, Sementina, Monte Carasso, Gnosca e Gorduno e garantisce un approvvigionamento idrico in qualità e in quantità per 32’000 abitanti.

La filosofia alla base del progetto era quella di mantenere in esercizio le fonti sicure e di sostituire invece quelle non più confacenti con la costruzione dei nuovi pozzi di captazione siti sui territori di Gorduno e Gnosca. Sono state inoltre collegate ed integrate le reti di distribuzione dei singoli quartieri. La costruzione di questo acquedotto intercomunale del Bellinzonese è iniziata già nel 2009. Si è conclusa ad aprile 2018 con la messa in esercizio della stazione di pompaggio di Gorduno-Gnosca. 

Da dove arriva l'acqua che tutti i giorni esce dal nostro rubinetto?


Comuni gestiti

Attività svolte da AMB nei comuni del comprensorio:

 

Picchetto
guasti

Manutenzione
infrastrutture

Posa allacciamenti
privati

Gestione
rete

Arbedo-Castione

 

 

Cadenazzo