News

Da «La nuvola piovasca» a “Elettra”

24.09.2019

Da «La nuvola piovasca» a “Elettra”

Le sere in Piazza del Sole sono pronte a illuminarsi con «Elettra». La nuova installazione raccoglie l'eredità della «Nuvola piovasca», diventata simbolo dell'estate bellinzonese, e accompagnerà residenti e turisti da ottobre sino alla fine dell'anno del Giubileo di AMB. Anche «Elettra» è infatti una delle iniziative che l'Azienda Multiservizi Bellinzona ha organizzato per festeggiare una Storia lunga 150 anni.

Lampadario urbano
L’opera è stata concepita come un lampadario urbano sensibile alla presenza umana: le linee di luce, installate sulla struttura della Nuvola piovasca, grazie a dei rilevatori di presenza sapranno accendersi, aumentare o diminuire la loro intensità, relazionarsi con il pubblico.

Un'installazione che ridisegna l'aspetto notturno della piazza trasformandola in un salotto. Un “flipper innamorato”, lo definiscono gli ideatori, Nicola Colombo e Michela Bonzi, ben felice di interagire con chi si avvicina.

Perché Elettra
Se la «Nuvola», con la sua pioggerella bizzosa, era prevalentemente un richiamo all'acqua, che per AMB, dagli acquedotti ai bacini per la produzione idroelettrica, è elemento essenziale e vitale per svolgere la propria missione aziendale, «Elettra» è un chiaro omaggio all'elettricità, uno degli altri servizi che, sin dal XIX secolo, caratterizzano l'attività di AMB, attraverso la generazione e la distribuzione dell'energia elettrica. Elettra però è anche un richiamo, con la sua etimologia greca di “materiale splendente”, a ciò che è bello e risplende di luce propria.

Gli autori
Michela Bonzi è una light-designer che sviluppa progetti d’illuminazione indoor e outdoor per spazi architettonici e urbani utilizzando la luce come strumento per la definizione dello spazio. "La luce come forma d’arte ed elemento rivitalizzante per lo spazio pubblico di una città, favorisce lo scambio fra persone, rafforzando l’interazione sociale”, spiega Michela Bonzi, fondatrice dello studio Lucespazio.

Nicola Colombo è meccanico, designer e tecnico d'arte, realizza opere d'arte, oggetti di design, installazioni industriali e scenografiche nell’atelier di fabbricazione di via Vela a Bellinzona, spaziando tra tecniche e materiali: acqua, luce e metallo. Inizia l'attività nel 1993 nel laboratorio del bisnonno in via Ghiringhelli e negli anni si contraddistingue per la sua produzione eclettica.

Che fine farà la nuvola
E la “Nuvola Piovasca”? Dove finirà il tessuto che la formava donandole lievità e volume, ora che è iniziata la sua rimozione? AMB, seguendo i propri princìpi e valori improntati a uno sviluppo sostenibile, ha scelto la via del riutilizzo. I 500 metri quadrati di rete in tulle di polietilene ignifugo saranno trasformati da una sarta locale in 500 pratiche borse per la spesa. Un prodotto in materiale riciclato che sarà in vendita ai cittadini nell'Infocentro AMB in Piazza del Sole. Sarà così data nuova vita e impiego al tessuto che rivestiva l'installazione estiva in Piazza del Sole. Il sogno che si aveva da bambini di potersi tenere un pezzo di “nuvola” in tasca sta per realizzarsi. Inoltre, una parte del ricavato della vendita dei sacchetti verrà donato in beneficenza all’Istituto Von Mentlen di Bellinzona.


Vedi tutte le news